Ormai su Instagram, ogni mese, sono attivi oltre un miliardo di utenti e se stai leggendo questo articolo è perché sei uno di loro e ti stai chiedendo come mai i tuoi scatti non riscuotono il successo che vorresti.

Parto da due premesse: questa non è una guida per fare mi piace ed Instagram non è per tutti. Anzi, per dirla tutta, i mi piace non possono essere l’unica unità di misura che c’interessa. Si può essere dei fotografi professionisti ma non essere dei bravi Instagramer, non avere quindi la capacità, il tempo o la voglia di organizzare la propria galleria in maniera più armoniosa e coerente.

Io ero proprio in questa condizione qua e un po’ lo sono ancora rispetto il mio profilo (Eccolo qua!). Mentre per gli account aziendali che gestisco e per cui ho fatto consulenze ho adottato i consigli contenuti in questo articolo.

Per partire occorre avere buon gusto e un buon occhio ma non basta perché un talento va affinato, valorizzato e perfezionato.

La tecnica di scatto migliora con l’esperienza, lo studio e -soprattutto- sperimentando, avere delle nozioni sulle tecniche fotografiche è fondamentale ma oggi parliamo di come organizzare la gallery di Instagram e realizzare foto belle per la tua gallery. 

Pianifica sempre i post:

La prima azione che mi sento di consigliarti è creare un piano editoriale. Forse lo riterrai eccessivo e penserai che sia una perdita di tempo scrivere un file con cadenza settimanale o mensile dei tuoi post perché tanto è tutto nella tua testa. È arrivato il momento di correggere questa cattiva abitudine.

Se vuoi essere un professionista di Instagram devi programmare il tuo lavoro e tuoi post, basta guardare la differenza che c’è tra quando si pubblicano le foto a caso e quando dietro c’è un po’ di organizzazione.

Organizza i post con coerenza:

La coerenza editoriale fa la differenza nella tua gallery e deve essere un elemento centrale del piano editoriale. L’algoritmo di Instagram premia la coerenza, questo non vuol dire che bisogna pubblicare esclusivamente foto dello stesso soggetto ma che si deve scegliere un argomento e rimanerci il più possibile fedeli.

Ti piace la montagna? Fotografa le tue escursioni e i panorami.

Viaggi spesso? Racconta i tuoi viaggi nei post.

Cambiare ogni giorno argomento come risultato non produce l’ottenimento di nuovi followers di altre nicchie ma perdere velocemente quelli della propria nicchia.

La continuità cromatica:

Capiamoci subito: non vuol dire scegliere un colore e portarvelo dietro a vita.

La continuità cromatica tra uno scatto e l’altro, è una questione di colori, luci, contrasti ed elementi. Sicuramente c’avrai già fatto caso, gli instagramer più seguiti hanno le foto della gallery tutte con tonalità cromatiche molto simili o che seguono la scala cromatica.

Sviluppa il tuo stile:

Il Colosseo è uguale per tutti ma a fare la differenza tra le persone è il come lo si fotografa. La prospettiva, i toni, le luci, i colori e persino gli orari del giorno in cui si scattano le foto; tutto questo e non solo definisce il proprio stile e consentirà alle persone di riconoscere le tue foto prima ancora di leggere il tuo nome. Un’ultima cosa; una foto è prima di tutto il fotografo. Le tue foto per avere stile devono comunicare la tua personalità.

Scegli il formato adatto:

Instagram è nato per il formato quadrato (1:1), dopo qualche anno ha dato la possibilità di pubblicare foto con diversi formati. Il mio consiglio è di fotografare in verticale, utilizzando il formato 3:4, perché a livello estetico la galleria ne guadagna in termini di equilibrio e le foto in verticale occupano quasi tutto lo schermo dello smartphone, quindi si vedono decisamente meglio.

Ovviamente non è un obbligo, però devi tenere conto che pubblicare una foto in 16:9 potrebbe non valorizzare come vorresti il tuo scatto, perché il formato che scegli influisce sul come appare nel feed di Instagram. Quale si vede meglio sul cellulare?

Evita lo zoom:

Usare lo zoom può portare come risultato una foto sgranata, soprattutto scattando da smartphone. L’ideale sarebbe avvicinarsi al soggetto per scattare la foto per evitare un risultato inferiore alle attese. Un altro discorso è per le foto scattate con una macchina fotografica perché molto dipende dall’obiettivo utilizzato e dalla sua lunghezza focale.

Aiutati con le luci:

Le condizioni luminose hanno un impatto determinante sulla foto, sopratutto per chi, come me, scatta solo con la luce naturale. Per ottenere foto con toni caldi o freddi, in base al risultato che vuoi ottenere, senza ricorrere ai filtri, devi saper riconoscere il momento migliore della giornata per scattare. Anche le nuvole possono aiutarti per ottenere il risultato che vuoi raggiungere.

Bisogna stare attenti a non bruciare le alte luci, sovraesponendo in maniera eccessiva la foto. Fotografando con lo smartphone è possibile evitare questo risultato scattando con l’HDR attivo ed avere una foto con i colori e le luci bilanciate.

Includi un soggetto nella foto:

In una foto la presenza di un soggetto arricchisce la scena e costituirà un punto focale per l’osservatore. Il soggetto può essere una persona, un animale, un mezzo di trasporto, un fiore o un albero. Averne uno ti aiuterà a rendere lo scatto più armonioso, bilanciato e coinvolgente.

La regola dei terzi:

Applicare la regola dei terzi è importante per la composizione della vostra immagine. Consiste nell’applicare un reticolato ideale, costituito da due linee verticali e due orizzontali, che divide l’inquadratura in nove quadrati. I soggetti vanno fotografati in corrispondenza delle linee o delle intersezioni dell’articolato. Ormai quasi tutti gli smartphone di ultima generazione danno la possibilità di dividere l’inquadratura nella griglia della regola dei terzi.

La regola dei terzi non va applicata con rigore. Ci sono delle situazioni in cui il soggetto può essere fotografato in posizione centrale e soprattuto puoi sperimentare le inquadrature che più ti piacciano!

Mai usare i filtri:

I filtri sono il tuo più grande nemico. Chi vuole raggiungere come obiettivo una gallery equilibrata ed armoniosa, non può pensare di riuscirci applicando lo stesso filtro a foto che hanno colori, contrasti, luci e soggetti diversi.

Usare i filtri Instagram è facile, lo so, soprattutto se si è a digiuno di editing. Basta caricare una foto sull’app e scegliere direttamente il filtro che si preferisce. L’ho fatto anch’io, non faccio abiure sul passato ma è stato un errore. Per sviluppare il tuo stile inizia a giocare con le luci, i toni, far risaltare un colore piuttosto che un altro, scaldare le foto, aumentare l’esposizione ecc. Mi raccomando: non esagerare mai con la saturazione!

Quindi, come post produrre le foto?

Inizia scattando tante foto, anche dello stesso soggetto, con inquadrature e luci differenti, in modo da poter avere uno scatto che si possa abbinare meglio all’ultima foto postata. Poi, usate delle app di photo editing, così potrete uniformare lo stile tranquillamente anche da smarpthone. Ce ne sono tante, alcune più intuitive, altre più macchinose provale e vedi con quale ti trovi meglio, io per esempio uso Lightroom

Fammi sapere se questi consigli ti sono stati utili!

Non ti rimane che seguirmi sul mio profilo e scattare tante foto per migliorare.